venerdì 5 settembre 2008

Prestizh i Svoboda


Beh, adesso abbiamo avuto un'ulteriore conferma di che fine fanno i seccatori nella democratica Russia di Putin. Fra l'altro uno di questi seccatori era un editore di un sito web. Brrrrr.

4 commenti:

il tribunale di rovigo ha detto...

Sarà il caso che vi informiate pure voi, per non incorrere nel reato di stampa clandestina

Giovanni Negri ha detto...

Se il blog è utilizzato solo come una sorta di “palestra” per l’espressione di libere opinioni sui più svariati argomenti la registrazione, avverte il giudice unico, non è certo necessaria. Nel caso di Modica però risulta all’autorità giudiziaria che prima di pubblicare sul sito «Accade in Sicilia» era necessario contattare Ruta e sottoporre l’articolo alla sua preventiva valutazione in veste, in pratica, di editore responsabile.

ps
in allegato c'è il link alla sentenza

Paolo Guzzanti ha detto...

a proposito dei giornalisti ammazzati e della scorta che mi hanno levato...

L'avvocato minchia ha detto...

Altro ordine di problematiche, per chi segue gli aggiornamenti dei post attraverso i commenti (l'allert non è esteso ancora a tutti, ma rimedieremo), che riguarda anche noi: i diritti d'autore. Già a quanto pare la Siae ha cominciato a fare i primi raid e sono piovute multe fino a 40.000 euro per utilizzo di foto e riproduzioni coperte da diritto d'autore.